Voglio battere l'amico Dionigi

10-11-2012 19:41

"Con il tecnico della Reggina, Davide Dionigi, sono stato compagno di squadra e subito dopo l'ho avuto come tecnico. In ogni caso sarei lieto di dargli un piccolo dispiacere. L'amicizia che ci lega è un conto, la rivalità in campo è un'altro discorso": il centrocampista del Bari Daniele Sciaudone, intervistato al San Nicola dopo l'allenamento, sta preparando uno 'sgambetto' all'ex allenatore (della passata stagione a Taranto) in vista del posticipo interno di lunedì sera. E' probabile che sia schierato nel centrocampo a tre con meno compiti di interdizione (il titolare Bellomo è squalificato): "Sono onorato di essere il vice di Nicola - ha puntualizzato - potrei giocare anche più avanzato, ma il tecnico ha provato a schierarmi sulla mediana. Mi piace pressare i difensori avversari e provare il tiro. Spero che lunedì sia la mia giornata". Sugli avversari ha poi aggiunto: "La filosofia dei calabresi é negli schemi di Dionigi: un 3-4-3 o un 3-4-1-2 che presuppone la memorizzazione di un certo numero di giocate. Verranno a giocare a viso aperto, pensando che siamo in crisi, ma noi sul piano del gioco non stiamo affatto deludendo". Sarà una sfida salvezza? "Giocheremo - ha risposto - una partita da tre punti con la voglia di tornare a vincere dopo due sconfitte. Sia per noi che per la Reggina la classifica è ingiusta, non corrisponde al valore mostrato in questo spezzone di torneo. Il Bari batterà la Reggina e poi Dionigi saprà ugualmente salvare la squadra", ha concluso Sciaudone.




Telereggio S.r.l.
© Tutti i diritti riservati
P.Iva: 00250830809