Brianza: trovati resti di donna carbonizzata. sarebbero di Lea Garofalo

21-11-2012 11:41

Lea Garofalo, collaboratrice di giustizia poco più che quarantenne, venne prelevata in centro, a Milano, a pochi passi da Corso Sempione. A bordo di un furgone bianco la portarono in un casolare alle porte di Monza. Lì, secondo le indagini, fu torturata per ore al fine di farle dire la verità sul suo racconto alla polizia. Lea aveva "spifferato" verità scomode su alcuni omicidi di 'ndrangheta a Milano. Poi la bruciarono.
Bruciata, e non dissolta nell'acido come ipotizzato fin'ora.
La svolta nelle indagini è arrivata in queste ore. Il corpo della donna sarebbe stato ritrovato carbonizzato in un campo della Brianza. Vicino al cadavere ridotto in tizzone della donna, gli inquirenti hanno trovato alcuni oggetti che ne avrebbero rivelato l'identità. Anche se solo l'esame del DNA potrà fugare ogni dubbio.




Telereggio S.r.l.
© Tutti i diritti riservati
P.Iva: 00250830809