Microspia Procura: verso archiviazione

13-12-2010 15:12

La Procura della Repubblica di Catanzaro e' orientata a chiedere l'archiviazione delle indagini contro ignoti avviate dopo il ritrovamento di una microspia in un ufficio della Procura di Reggio Calabria abitualmente utilizzato dal procuratore aggiunto Nicola Gratteri, uno dei magistrati più impegnati nella lotta alla 'ndrangheta. Nel corso delle indagini, secondo quanto si e' appreso, non sono emersi elementi utili per poter individuare le persone che installarono ed utilizzarono la microspia. Dall'intensa attività investigativa non si è riusciti nemmeno a risalire al venditore dell'apparecchiatura. Il lavoro svolto non è stato facile, considerato che la microspia, di quelle comunemente in mercato, non ha nemmeno un numero identificativo chiaro. Gli investigatori, inoltre, non hanno trovato tracce utili nemmeno dalle immagini registrate da una telecamera di videosorveglianza posta all'uscita di sicurezza del corridoio su cui si affaccia la stanza in cui l'apparecchio è stato trovato. A distanza di oltre due anni e mezzo dal ritrovamento, la Procura di Catanzaro è quindi in procinto di chiedere l'archiviazione del fascicolo d'indagine che è rimasto contro ignoti. (ANSA)

 




Telereggio S.r.l.
© Tutti i diritti riservati
P.Iva: 00250830809